Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

22.9.10

 
Incerto del suo adesso.

Mi son qui bell'impacchettato
a tirar di nuovo calci alle parole
piroettando un traverso
di note e suffumigi.

Il profumo s'è preso l'erba
e l'aria scalza del mattino
così eccomi sveglio per primo
ad imboccare i ghiri
scartavetrando l'orecchio destro.

Mentre il tesoro s'è sottocoperta
m'accascio in attesa
e dispenso respiri
per appannare meno
il vetro del pensiero.

All'improvviso
oltre il castagno
rivola un cerbiatto:
quando la smette di franare
s'impaurisce,
raddrizza gli stecchi
e rimane ombra di se.

Due passi alti più in là
scricchiola la pioggia:
nell'attenderla lui stritola
un salto predetto.

Scompare verso il sentiero
incerto del suo adesso.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo