Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

8.6.10

 
Sbalzo di tensione.

Marketing di sfruscio
con strizzata d'occhio
al lineamento.

Sarei il primo degli altri euforici
se m'uscisse una fonduta placata
dal principio al termine
col pensiero sciolto
in endecasillabi da riporto
e potrei godermi fra i concavi
anzichè soffrire su acufeni
in appunti diamantini.
Invece nulla, cicca bua:
perchè tutto questo inventar mondi
non è affar di chi spollicia i miei indici,
non è un divertirsi in bocca ai soffiavento,
non è un imbrattare per scrostare
il banale di un canale
in attesa dell'eco di altri ego.


No,
peccato
mio caro
percolato.

E' aria senza la quale,
è polvere del mio andare,
è scelta oltre il raccontare,
è allergia su piume da pavone,
è notte che zampilla Virgo,
è buca nelle tasche a protegger l'armonica,
è danza scaltra d'ammirare e tesa da portare.

Perciò, con garbo, senza offesa:
piuttosto che mutarmi sciolto
io nasco, canto e mordo contorto.

Non mi svesto
e ti lascio il resto.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo