Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

7.4.10

 
Occhio che cigola.

Spesso mi grattacapo la testa in un gesto spanna dubbi e pulisci divieti. Passo i secondi a lisciarmi le sopracciglia nel tentativo di capovolgere gli alambicchi delle mie scuciture alle tasche finendo sempre per ruzzolare in un andirivieni di cicale mai dome.
Allora per calmarmi guardo il sole e ci passeggio dentro. Il primo effetto mostra l'istantanea di una liquefazione imperfetta di chi crede non si possa scartabellare l'inconscio. Di conseguenza prevedo l'agguato dalla parte dell'esca e capovolgo una virgola a guisa di amo.
Catturo chi insegue lo spergiuro del non ammissibile sentendosi figo all'inverosimile: lo accarezzo e poi lo lascio andare fess che tanto di molto stanco rigurgiterà solo il prossimo anno.
Poi m'esco ad asciugare fra l'equatore ed un canto ad ore contate: non sarà quel che dovrebbe ma per ora basta a lenirmi i desideri prima che un tram m'attraversi questi segnali d'esistenza fra incompresi andirivieni.
Occhio che cigola.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo