Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

24.4.10

 
L'iperbole dei cieli.

Prima del mille non v'era previsto il suo doppio: ognuno s'infliggeva la convinzione che aveva. Pre fioritura del rinascimento al di qua delle gambe ercolane si impaurivano al tondo: v'eran solo gli spigoli e si faticava ad accettar le forme curve, irreligiose ed irrazionali. Se ne potrebbero fare altri di sgraziati e fastidiosi mementi ma il succo d'arancia fresco rimane sempre quello: si è convinti e seri che questo sia il nostro oggi, il nostro domani e il nostro ieri. Come quando ti chiedi il trittico blasfemo del dove vai, del chi sei e dal dove vieni. Reset. Così oggi non annusiamo spiriti, mandala o alieni... ah ah che risate mentre s'osservano altre vie illuminate: adesso m'iberno e torno nel duemiladuecento per riparlarne con calma difronte al nostro stupido credo eterno di schermi multi-touch e sfioro pudico del coseno.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo