Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

10.6.09

 
Ho perso lo sguardo.

Mi testa la nuca al solco dell'orecchio.
Per questo sto più del solito attento.
Metti che me ne esco da me stesso,
faccio un giro d'universo
e poi torno più tonto che sguercio.

Ogni musichetta da ritornello
contiene una campanella di appello:
potrebbe esser l'ultima del fisico
o la prima del bilico.

Così ascolto teso
parole sanscrite
fuse in lingue baltiche
e quel che traduco
è pane
del mio vicino glaciale.

Non ho una dimora fissa,
non ho un tempo determinato,
non ho neanche un callo bucato:
indi vado.

Senza timone,
senza rumore
ma con il tra dei capelli
un fiore dal campo raccolto
al sorgere cobalto del sole.

Il profumo del legno
invade il prossimo bosco
dove svernerò il mio affetto.

Brace che tace,
fusa dolce su tende
lieve per sempre.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo