Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

29.5.09

 
Novecento suona anche in terza classe.

La prima volta fuori dalla porta penisola per festeggiare diciotto primavere tonde ed un pezzo di carta sciolto in algebra afferrai il primo treno cicatrizzando l'attorno assieme ad un Nino dal torace pronto al vento.
Raggiunta la capitale del vecchio mondo la setacciammo di vita lunghi e larghi fino a dormire distesi sotto le pulci di un vecchio ostello Giordano.
L'ultimo giorno da quelle parti attraversai illibato il ponte della torre accanto ai gioielli. Sostai in mezzo: non so a tutt'oggi per quale motivo o per quale contesto.
Ma mi fermai, respirai, guardai il Thames. Rimasi a lungo a farmi punto.
Chi dove quando perchè.
Da a.
Srotolavo legato al levatoio il mio gomitolo rosso senza rendermi conto ne importanza del come sarebbe andata la danza del mio mondo.
La seconda volta fu nel bel mezzo di una festa.
Stordito dal dolore ed ebbro di raccolta fui spalla di un'amicizia mai dissolta.
Finite le teorie, le pratiche erano fondamenta e il giro del filetto s'intontiva al giro, pronto a smuoversi inverso.
Raggiunsi quasi senza riflesso di nuovo il ponte del mezzo.
Ci vidi scorrere la stessa acqua sotto.
Ripresi il mio filo rosso sbiadito accarezzandolo con un dito.
Ora sapevo da dove venivo ma rimaneva l'incognita del mio destino.
Non uomo, non più ragazzino.
Mi voltai e continuai il cammino.
La terza volta fu la svolta.
Arrivai perchè voluto, accompagnato dal mio cuore.
Come le altre vite sostai nel mezzo ma raddoppiando questa volta i pollici.
Riavvolsi il gomitolo e lo buttai nell'acqua diversa.
Dalla tasca del cappotto tolsi un anello.
Guardai il Blu baciandone il respiro.
In quel preciso istante trovai il mio posto nell'attorno.
Oggi continuo ad andare: ma ora conosco dove tornare.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo