Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

19.5.09

 
Di nuovo benvenuto.

Sfuggo dal finestrino contro la corrente del mio brufolo andino.
Ne temo uscendo lo sguazzo del prato accanto, ma per fortuna cado senza un fiotto lungo e disteso presso un pozzo.
Incontro un pranzo consumato tutto attorno e mentre m'asciugo lo sbuccio già canto diverso.
Leggero e intonacato di fresco in lontananza osservo uno storno andare verso il castello.
Chiedo l'arrivo a Chihiro, mi sussurra mirtillo di bagnarmi per terme ed infine strizza l'acqua uscendone indenne.
Corro al giunto e prima di bussare tolgo il superfluo fugace.
S'apre il portone, scavalco il mio attore e son di nuovo nel mio gioco migliore.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo