Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

28.3.09

 
Sgrana e ingrana.

Vestirmi uguale in anni otto mai passato.
Rivengo, divelgo e svengo.
Per esempio, amore.
L'avrò scritto in pixel sotto il conto dei miei polpastrelli.
Prova, scartabella e appallottola.
Se vinci ti porgo una Duvel.
Non lo puoi mica fare a tuo agio come l'aprir l'acqua al rubinetto.
Il semplice va dosato, la magia è un attimo alla fine dell'eterno.
Ci vuole scienza, un portamento esatto che guadagni in lustri.
L'inchiostro non paga, forse manco la bara.
La vita svolge il suo tema in fretta e non puoi nemmeno cambiar penna.
Firmare d'oca e ceralacca votiva.
Rifarsi il giro e sperare, pregare, sogliarsi e tentennare.
Sembra tutto fermo mentre l'orizzonte resta in silenzio ogni giorno diverso.

Vorrei poterti raccontare che basta una rima.
Ma bisogna arrivarci, prima.


#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo