Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

23.4.04

 
Buon appetito.

Mangio col giallo, il rosso e il verde.
Fame, ho fame.
Separo il pollo, i pomodori ed i piselli.
Stesso piatto, bianco.
Me lo portano caldo, il pasto. Oscillo, non sto fermo, ondeggio, prendo il coltello.
Perchè tutto assieme? Perchè tutto assieme?
Tutto assieme non va bene, non va bene tutto assieme.
Mangio nel piatto, mi piace questo giallo, vicino al verde tutto mischiato.
Non va bene, non va bene.
Dodici e venti, tardi.
Dodici e venti, tardi.
Mangio alle dodici.
Tardi, dodici e venti tardi.
Tardi, dodici e ventuno tardi.
Prendo il coltello, poi la forchetta, la voce che dice mangia entra nella mia testa.
Mangio, adesso mangio, prendo la forchetta e separo pomodori e piselli.
Piselli tanti, trentasei, belli rotondi tutti diversi.
Divido il piatto in tre parti uguali di sessantagradi di tre parti uguali.
Mangia mi dice la voce doppia, entra a destra esce a sinistra adesso da sinistra entra a destra ma sono solo due e capisco: adesso mangio mangio adesso.
Tredici in bagno devo andare in bagno.
E' presto dice la voce mangia che è freddo.
Pipì alle tredici alle tredici in bagno devo andare in bagno.
Mangio, mangia, adesso mangio.
Acqua gassata beeeeh acqua gassata stuzzica la lingua mi piace adesso bevo il bicchiere pieno.
Tutto staccato nello stesso piatto cinque pomodori rossi grossi ed il pollo uno solo ma lo divido separo la pelle dalle ossa mi guardo intorno ondeggio troppe ossa tante quante non riesco mangia mi dice la voce due voci tre voci ora mangio oscillo prendo il coltello metto l'ultimo pisello vicino agli altri ma scappa vicino al pollo separo il pollo.
Mangio adesso mangio gratto il mio dito e mi tocco la testa si ancora c'è la mia testa rumore troppo rumore grossa la voce la tua voce rimbomba è grossa tante voci mangia adesso si adesso mangio si mangia mangia TI HO DETTO diventa freddo mangia mangia mangia adesso mangia
HIIIIIIIIIIIIII!
Oscillo sbatto , sedia, terra, pavimento, rumore, rumore, rumore, picchio la testa, sbatto la testa, basta basta basta rumore piselli pollo troppo pollo, piatto rovesciato tutto mischiato rumore rumore rumore basta basta basta...

Mangio, adesso mangio.
Rumore passato rumore.
Silenzio e piatto, pomodori e piselli: separati, pochi, cinque e venti.
Buono, mangio.
Buono il pollo.
Mangio.
Contento, sì contento.


#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo