Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

12.8.04

 
San Lorenzo nudo e stento.

Nel mezzo, il cammino, la nostra vita.Coppie barbituriche, cappio ingrossa vena.
Che fai, di' bello, venerdì sera?
Nulla, almeno credo. Prima sopporto e poi forse svengo.
Ci si annicchia a tentoni vicini e intonsi tentando di dare un senso all'allantonarsi e al riavvicinamento.
Ma non c'è verso.
Amore, che tormento.
Infrangionde e schiume da barba: rimetti a posto l'immagine che di te ho perso, sistemati i calzini tagliati spenti, rifammi il letto scoprendo il non aggrado del mio bel lato didietro.
Ed il pregio è difetto ed il peggio è non accettare di averlo e quel che di tempo si è dato per ora nulla è successo: nulla è cambiato e tutto è atteso smarrendone il senso.
Nei sogni cadenti non c'è tempo per neanche un desiderio e qui si sta di chiappe all'insù ad aspettare che si faccia un passo e non un salto ho detto verso quel che potrebbe essere il più luminoso universo.
Basterebbe un accenno di gesto.
Ma non c'è verso.


#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo