Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

16.9.08

 
Round and round.

Dovresti scrivere più meglio, mi dice. Essere sciolto, comprensivo, comprensibile e vedresti. Primo me non mi riesce. Ci provo e mi ci metto addosso ma non m'esce. Fare come facevi col pallone in allitterazione. Ma il tempo e lo spazio non van più di simbiosi, neanche con lo sforzo peggiore riuscirei a rivivermi con un unico punto focale. Dovresti far giù un romanzo. Ci vogliono i dettagli e io adesso come un adesso di anni non ho più il controllo del contorno. Per esserlo di nuovo avrei bisogno di un tavolo alla fine della corsa ed in questo tramezzo io sto ancora annaspando nel mezzo. Ti farebbe bene. Un sacco di belle cose mi farebbero bene. Un milione di euro, accarezzare la Sistina, prendere il volo di Wright ed avere pezzi di pace da unire, noi e loro. Avresti di nuovo un sogno. Ce l'ho già un sogno. Più di uno, ma devo soffiarci sopra che ancora scottano. E poi. E poi mi si scioglieranno di nuovo le parole, vedrai.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo