Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

12.9.08

 
Lascia fuori i fiori bagnarsi.

Perdi la scarpa scendendo dal tacco. Cadi mostrandoti estate. Fa un caldo ghiacciato d'isola deserta. Al finire della staccata prima del curvone sporgi il piede per paura di un'altra dimensione. Salti sul muretto e osservi la Riva, il suo andirivieni confuso e ti astieni. Non ne vuoi più sapere di quel che già sai e che hai smesso di conoscer per quel nulla che non comprende i sogni. Preferisci donarteli stretti senza pubblico e senza gesti. Solo l'eco ti consuma e ti consola in una quiete che ora ti assapora. Ed è monatta l'aurora, è calore d'una vita vicina, è sapere del tuo conoscere pelle arrivarti fin dove poni gli occhi. Sei già tornato dall'oltre, affascinato e disperso senza niente. Hai cercato quel che non serve tranne alla quiete del mentre per te e per chi ti sta accanto. 
Lascia fuori i fiori bagnarsi. 
Una coperta sopra le spalle, una vespa con la candela gracchiante, la pace nella ricerca di un funambolo che tesse il suo strizzarti l'occhio distante.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo