Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

6.3.08

 
Burro.
Ma da che parte è la ragione
come se fosse così importante
pendere oltre ciò che si pensa.

La bellezza è un'arca densa
si scioglie nel pianto del mare
e raccoglie vite senza corde.

Ogni volta che gioco perdo sempre
mi piace osservare la gente
quello che prende e quello che rende.

Non ho più bisogno di esser detto
lascio le mie spalle andarsene altrove
m'innaffio di quel che coltivo
gioco con te a far l'indovino
fra un finto rancore e lo splendore
ora son tutto meno che me stesso.

Viva è la sostanza che brucia
perchè nata al suo destino
e tolta a chi dorme e a chi ruba.

Nuoto nel mezzo del vetro
togliendo l'acqua al mio mulino
senza la gioia di ferirmi un credo.

Vieni da me accennando la sera
perchè del buio ricordo la carezza
ma non il fumo della cera.

Non ho più bisogno di esser detto
lascio le mie spalle andarsene altrove
m'innaffio di quel che coltivo
gioco con te a far l'indovino
fra un finto rancore e lo splendore
ora son qui e raccolgo il resto.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo