Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

29.1.08

 
Chi siamo noi?


Dell'Apulia m'accoglie il bianco che si finge un celeste di riverbero sotto gli arzigogoli degli ulivi. T'arrivi e pari già a casa, con le pietre spaccate d'angolo in mano ed i misteri dietro l'atrio.
Anna racconta a quei tutti quale sia il suo sogno di carta con gli occhi di chi non s'arrende. Quando parla sfocia l'acqua d'una sorgente che t'avvolge, quando osserva scatta e s'istantanea un riflesso dal quale nascerà un progetto.
L'attorno è fatto di quadri zabrati e persone dal collo lungo che ruminano un concetto e decidono chi fare entrare fra il loro collo e il loro presunto oro.

Le locandine col mio nome sono come pasta sfoglia per questo bimbo sempre in giro e le persone che vogliono sono preziose persino mentre collegano un videoproiettore.
Andria è un cucuzzolo che par largo d'intenzioni mentre si rannicchia d'illusione in una piazza con bisettrici a Trompe-l'œil. L'aria sale dal mare e ti coglie intento a perderti fra viottoli e senzavocali. Plani fra cattedrali in porti e astronavi lunari fino al sapore che ne tiene un cartaio leccese.

Mi fan domande in video, mi raccontan passi in polvere, mi accolgono di firme preziose.
Vorrei non dire a Francesco che la delicatezza è anche un foulard d'emozioni trasmesse, ad Anna che un libro detitolato vive e s'accresce di quel che lei ha appena creato e che sentirsi raccontare dalle persone dell'esser venute apposta per ascoltare un pensiero sghembo è un qualcosa che alza il mondo.
Tutto l'attorno è stato d'inchino per il prossimo stringimano a passo d'ali.

Grazie. A chi vi era e a chi non sapeva d'esserci.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo