Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

11.10.07

 
Hillibilly.

Questo ripieno di parole grosse straborda difronte al nulla e m'annausea.
Giro in tred attraverso un universo pisciante emozioni e sai che c'è mi dico c'è che di ritorno sono come in un fosso e soppresso dal troppo contarsu.
Poco prima del bottone della pancia se premo mi spremo umori liquidi di vacui inutili ritorni di circostanza.
Siamo umani osti, come sia che non lo sia? Gli sbalzi, i drammi, gli odi e gli ammori son cose di onde e circoli vuoti. Possibile che non si riesca a fare un rialzo oltre la coltre dell'appanno?
Andiamo, son puntievirgole che si mutano con un sorriso.
Con un sorriso.
Rimane la falce: tuttaltro è caro da spendersi.
Una sola corsa, un solo biglietto come partenza d'una scelta. Ma per favore basta discuter del tragitto mentre parte il resto.
Un taglio all'ascolto della perpetua, un inno a chi sbatte la polvere dal suo bel vestito di corpo.
Fuori dall'osso, fuori l'asso: per un'almeno prima volta sporgetevi dal carico e buttatevi nel prato.
Rotolandosi ci si sporca d'una terra folta per chiome immature al pensiero.
Puro ego.
Ma prego.

Esplora la tua caverna,
fino al nuovo mondo,
fino al nuovo padre,
fino a quando non avrai lucciole a maggio.
Prenditi il rischio del fra me e te:
vediamo se sei in grado di attraversare il guado.
Benzina sul fuoco degli amici
e una banda dietro lo striscione del traguardo.
Prenditi una tua foto
come souvenir del mio futuro:
esplora la tua caverna
fino alla luce della stella,
fino a dove potrai chiamarla veglia.
La terra di Zuma,
fra le onde e le lacrime
mi fa espandere.
E' l'ora delle viole al sangue
e dei dessert al sale:
senza governi o bande armate.
Questo è dove sei,
dove potrai e mai tornerai.
Prenditi una tua foto
come souvenir del mio futuro
ma prima chiedi il permesso,
ch'esso è permaloso
di se stesso.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo