Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

12.7.07

 
Focali.

No, 'speta, fam capì.
Che an ghè se prope mia.
Cercherò d'addolcirmi circoscrivendomi affinchè tu riesca ad intrappolarmi in un perimetro senza balbuzie.
L'avere la poesia come colonna portante incisa nel mondo NON significa non avvertirne il peso, disconoscere l' affanno per il pane quotidiano, esser pudico senza bestemmiare dinnanzi alla morte, abbaiare alla sfiga o imbambolarsi al tramonto senza aver mai giaciuto al freddo.
L'aver la poesia come timbrica sul passaporto NON t'imbambagia nel dorato mondo del tutto mai tatuato, del comodo passaggio dal via senza nessuna prigione al giro, dell'adagio rettilineo di chi non suda le colline divenire rifugi.
L'aver la poesia come impronta sottosuole NON ti identifica col cieco pasciato stilita sordo al realismo del tondo o col privilegio del non aver mai dovuto esprimersi col capo chino dei ti prego perchè si potesse essere riconosciuti per avere un riconoscimento d'esistenza.
Anzi.
Aversi di rime cosparsi è un'essenza di chi già ha sbolinato via fin troppa merda.
Due gengive alte come cicatrice sull'asfalto sotto la fronte a carrugio maturano solo dopo una lunga esposizione a personaggi tutti equi e non molto distanti da chi si crede di un credo abbarbicato ad un pensiero quadrato molto vicino al tuo orticello transgenico.
Perciò se aspetti un momento m'allontano dal tuo ritorno d'eco per osservare l'offesa blasfema che porti al guinzaglio divenire comica abbastanza per distogliere il mio sguardo verso ciò che veramente importa a questo porto.

Non so più quanto far capire al toner delle tue copie carbone quanto di perso ci sia nel sentirsi uguali nel credo dei superiori o quanto resto d' un colore pastello basterebbe a dipingerti diverso.

Se permetti,
mi porto a sorridere all'onda.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo