Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

26.4.07

 
Ouverture.
Scricchiolii e accordi di piano.
Silenzio grida il bambino a scuoter stomaci ripieni di vino.
Tutto tace all'ascolto: pure il grillo smette l'amor cortese al di là del melograno.
Il primo tasto modella un'alchimia di giorni a venire
come premonizione d'una promessa disdetta ad una mela acerba.
Malinconia a distanza suscitata da una danza d'accordi
che a chiuder gli occhi li immagineresti intenti a raccogliere gioie e firmamenti.
Ondeggiando il collo vien come su un tratteggio d'un arco concavo
verso due punti armoniosi e distanti
che fanno di te un ascoltatore
per un'eccezione mignon dove nascosto è il liquore migliore.


Maggio è un mese che adoro per primo.
Dove il profumo non ha ancora coscienza
e l'abbandono è come una nave pronta al porto
che aspetta la nuova via del ritorno.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo