Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

11.4.07

 
Animo madido.

In teoria di tettonica a placche quel paio che sfrigola poi incendia è per tornare a rilassarsi ma sempre e mai per distanziarsi nelle parti.

Anzi, comune denominatore dei contendenti è dal mezzo divenire impossibile intero: per questo non ci si allontana ma si continua a premere le protuberanza.
Di volta in volta dalla faccia alle spalle son scapole contro scapole: freddi orizzonti inversi e caldi intrecci di polpacci uterini.

Dogmi dalle movenze angeliche antropoformizzano l'esistenza con massime umane e gaie: ha ragione il dialetto ostregheta che ipotizza un'esistenza plasmata per visi divini ma dall' insert coin all'ultimo livello del gioco non è esattamente una passeggiata de salute.
Raccogliersi i vuoti a rendere delle proprie spremute zero positive e non curarsi degli innaffi esasperanti.

Qualcun cosa germoglierà a distanza di un tempo talmente infinito che non appena accadrà la dimenticanza annullerà la transumanza foraggiata dai morsi di labbra.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo