Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

23.2.07

 
Salute è il miglior complimento.

Che puoi farci?
Sorridi, anche al miglior offerte d'offesa.
Inspiri la nebbia, spanni la sua rabbia, trasformi in concime la nuvola sparsa.
Non è un male tuo, non te ne accorgi. Te lo porti a spasso come mezza canna d'un fucile di carta.
Perchè farla mia questa dichiarazione d'invasione di tendini?
No grazie, che puoi farci?
Sorridi e ramazzi accordi per altri canti.
Stamattina un fulmine all'estremo d'una scala di violino ma reso quasi cieco dall'emozione.
Non pensavo fosse possibile una purezza così forgiata in melodia.
Tale è stata la quiete che mi son per forza di cose sostato ad ascoltare le note.
Era una vibrazione che a spiegarla vi dovrei far stringere la giugulare che va dritta al petto.
Un medico chirurgo mi ha detto che in fondo siamo tutti uguali: gli uomini che si sono affidati al suo bisturi, sospirava, hanno riso e pianto in un'unica sinfonia indipendentemente dal danno.
Poi ha tirato fuori dei grossi libri e mi ha fatto passare sul viso tutta la sua vita, dal fronte russo al policlinico romano devastato.
Che vuoi farci?
Sorridevamo, mentre guardava lucido oltre le foto.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo