Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

13.11.06

 
Appunti da trasbordo.

Sopito o sedato c'è un gran divario d'atto.
Braccio di ferro con la paletta m'impone di ricetta una tregua.
Ci sono voci che t'accolgono d'un sussurro per poi, all'indietro, toglierti un fiato da far tremare i polsi ai pianoforti.
Un giorno ti scriverò dal lontano.
Tornerò a permettermelo,
che adesso ho ancora da sgranellarmi questo chiodo che non se ne esce almeno fino allo scalzo dell'anno.
Rimetterò la penna nella sabbia e ti profumerò di porti, usanze e spezie come mai ne avrai addosso.
Lo farò, lo sai, questo da sempre è stato il mio credo di zaino.
Non fa nulla la sofferenza che senti, non curartene.
Serve per l'imparare a macinare, assorbire e detestare.
Abbi almeno una fede, che in un modo che non ha tempo torneranno a spezzarsi le catene.
Per prima cosa cercherò un vaso, lo riempirò della terra che ora d'accoglienza mi stringe e ci pianterò un seme col tuo nome.
Poi andrò giù al molo e finalmente, leggero, imbarcherò il mio progetto.
Sarà dura, ma meno d'adesso.
Sarò lontano ma solo per nostalgia.
Tornerò sempre da te.
Ma ci son troppi abbracci e troppe mani che aspettano,
troppe storie dentro uomini che non posso ascoltare oltre questa vita.
Voglio raccontarne perchè è la mia natura.
Scriverne m'aiuta ad essere più quieto.
Lo sai,
non resisterò mai.
Ci dev'essere qualcosa oltre quel punto.
Sento lo scricchilio, ormai è certo.
Hanno ricominciato a lavorar per me, lassù.
E in un modo o nell'altro verranno ad andarmi.
Spolvera la polvere,
spolvera la polvere,
allaccia i lacci,
allaccia i lacci,
punta il dito,
traccia la rotta,
fiuta l'aria,
scalda la voglia
canta e balla.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo