Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

30.9.06

 
Sweet Lullaby.
Sgambare a passo di danza sulle pendici del tondo dev'essere qualcosa d'incompreso al fermo.
Lo è, ma era tanto per dire. Non c'è paga quando il vento ti accarezza, quando passi la testa al di là del vetro d'un treno, quando gli schizzi d'acqua t'imbronciano la faccia su un traghetto fra un punto e l'altro d'un non so dove.
Rimane l'essenza stessa del motivo d'un esistenza, concetto già espresso ma ristenderlo ad asciugare sopra i pixel non fa mai male. Andare per diventare, per cognizione dell'essere, per come diceva quello anatomizzarsi d'una irrequietezza da respiro.
Non si è fatti per stare sotto al tetto, siamo ben più alti.
Se abbiamo occhi ci sarà un orizzonte, se abbiamo naso ci sarà un fiore con un profumo che non conosciamo, se abbiamo gambe va di per se il dobbiamo che andiamo.
Nel frattempo continuo a rosicchiare il mio piano segreto: far scorta di boccette da inchiostro così che un giorno potrò barattarle attorno al mondo in cambio di sorrisi e d'una storia che rimanga fra la mia pelle ed il foglio.
Desto d'un sogno.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo