Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

21.6.06

 
Implosione d'accusa controllata.


Qualcosa m'ha punto attraverso la pelle
mi trapassa da par suo, da pensiero acuto
ed una volta riaccostata all'aria
se ne va come se tornasse.

Se al sicuro siam soli in questo universo
io mi trasferisco al volo in quello accanto:
so già di per certo che oltre la gomma del muro
non mentono e raccontano
la favola del missile cattivo
che s'abbattè d'esclamazione
trascinando tutto e tutti
in un mare cristallino
e di come qualche anno dopo
crollino al centro del mondo
torri sbuffate dalle ali
e minate d'esplosivo casalingo.

Due realtà
due mondi
due parallele
strisce bianche e rosse
sotto stelle blu
i want you
perchè non mi dici di più?

Quanto conta
zio la conta
delle tombe
sopra una pazzia accorta
strategica globale,
omuncoli del Colle,
vite da pedine?

Siam pronti tutti
assetati del nulla
a berci
qualsiasi cosa
si presti da culla.

Dietro al nostro
capogregge grasso
prestiam orecchio
in cambio del foraggio:
muoiono i padri,
sforniamo successioni
senza far altro
che sperar d'esser quelli
non toccati dal tempo
o risvegliati dalla Storia.

Dio ne voglia
ci capiti
anche per sbaglio
del tenue coraggio.


#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo