Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

26.5.06

 
Oboe e marmitte.
Questo rumore di periferia eterna non mi permette l'accondiscendere del sonno fra la mente ed il pongo con il quale oso modellarmi solitamente.
Non è possibile che mi scatti persino la scrittura mentre incedo fra i sassi di questo paciugo di stazione. E' altamente a fior di pelle bruciare istantanee di pensiero e dover attendere lo sblocco per riuscire a non farfugliare quel che sarebbe dicono il tuo seme.
Mi verrebbe da ciucciare e cucinar ciliegie dal nulla più per cercare di rilassarmi anzichè dover attendere il passaggio di un me stesso latente dietro a questo sferraglio di paesaggio urbano e decadente.

Oboe e marmitte,
muschi e promesse:
una salsa per vomiti a peso,
irriverente ai santi
e votiva agli equidistanti.

Le lastre dicono
che mi s'è smagnetizzato perenne il cervello,
che confondo la notte per Signora da passeggio,
che mi diletto vacuo da medicinale scaduto,
che la mia resistenza è destinata all'infrangersi sui pratici,
che s'ho visto uno spirito me lo son già bevuto,
e che ai romantici io alzo ancora i calici.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo