Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

3.3.06

 
Mottarello.

Oggi
è un giorno distante
plumbeo di facce mestrue di ghiande
mortacci mi dessero che lo vorrei un mottarello
gelato cioccolato ripieno di stecco
che lo rimbalzerei in testa alle gomme
per cancellare quell' alto nascosto della gente
che nasce che muore ma sembra che non sente
come potete
come ci riuscite
come state distanti dalla leggerezza
senza accorgervi che è della vita
proprio questa la vera essenza?
Per altro
almeno
posseggo
la fortuna di un essere contemporaneo
parlandone un giorno che sarò fiore
di molte specie d'amici gloriose
bisfrattate appena accennate dalle antologie
che frequentavo fra ciotole di vita e mozziconi
bastardi di rogne e fieri dell'amore.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo