Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

21.9.05

 
Cara P.


Cara P,
ho ancora la schiena incerottata.
M'hanno provato ogni tipo di male ma l'allergia non si trova
e a dirti la verità credo che mi si sgonfierà il petto in fretta.
Tuttavia c'è sempre il profumo delle rose in giardino ove spesso i bambini finiscono per pungersi. Li osservo ancora da qui e per strano che sia nel farlo giocherello ancora con i numeri incisi sul lucchetto.
Lo so che alla mia età dovrei smetterla e adeguarmi, rassegnarmi.
Ma ogni nuvola da quel pertugio è ancora un'immagine giocosa e di tanto in tanto dal panettiere all'angolo arriva ancora qualche nota coperta di sugo: è allora che non resisto e come sempre implacabilmente s'avviluppano nella mia testa gli schemi.
Per quanto ci abbia provato finisce sempre con quell'urlo.
Certo, ora il tempo di latenza s'è allungato di molto: ho imparato quasi del tutto a tenerlo sotto controllo.
Ma è difficile sai, molto difficile.
Mi sveglio ancora di soprassalto con quell'immagine del filo di nylon spezzato di colpo e lo schiocco sordo della frusta che colpisce.
Quando succede corro di là a ber subito un bicchier d'acqua: ma anche d'inverno mi par sempre calda.
Eppure m'aiuta a lavarmi e non passa che un'ora e torno ad addormentarmi.
Lei dice che presto tornerò a riappropriarmi di un solo mondo anzichè 'esserne schiavo dei mille frastagliati in cui mi sono perso'.
Ho provato a spiegarle come va di dentro ma ovviamente non sono mai uscito da me nemmeno per un barlugio che le abbia fatto anche solo intuire quanto profondo io abbia dentro il mio solco.
Dirle che cammino ancora sui vetri ardenti e che con i frammenti io amo immergermi non servirebbe a nulla tranne che a renderla più insicura del suo affetto, dei suoi gesti, degli sforzi fatti per ricucirmi fino ai denti.
Perciò ho deciso di restare esempio di un corpo esterno denso mentre dentro continua lo sgombero dei dogmi e l'esodo dei sensi.
La consapevolezza della lontananza dal guado della conformità rassicurante mi attrae, mi spaventa, mi respinge e mi rincorre.
Temo solo la cecità della solitudine in questo mio sentirmi uno e più, ma come tu mi hai detto rincuorandomi non sono altro che isola fra isole difronte ad un mare troppo grande.
Hai sempre portato in bisaccia parole giuste in giuste frasi e questo tuo parlarmi di me senza vuoti o cadenze ma anzi con il battito che non ha mai perso un colpo m'ha da sempre di te ammaliato.
La differita vocale è la mia sola costante.
Torno a soffiare le bolle,
che ultimamente riesco persino a chiamarle per nome,
prima che si dissolvano liberandone il sole.


Con affetto,
M.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo