Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

23.7.05

 
Voci.

Voci.
Ovunque.
Ovunque voci negli scaffali sotto i letti dentro alla tazza del cesso persino nello spazzolino disincantate strette nel comodino anche bastarde come le talpe voci perplesse posate sulla polvere del lampadario frugano nel il mio barattolo di miele scaduto fitte nello scarico della lavatrice insite beffarde dietro al freezer su per giù incragnate nelle fughe delle mattonelle piazzate attente attorcigliate nella cornetta del telefono vecchio rotte e stronze sparpagliate di zucchero in zollette voci disattente false amiche distinte troiette versate lascive fra mutande mie e stendipanni assassine formiche pronte alla caccia squoiate mentre faccio la cacca assorte da calli e amiche forbicine zozze impudiche a rigor memoria dei miei discorsi masturbi e dense come lenze all'amo di un' amore bolso come larve riprodotte da un attore porno voci sempre croci di madrigali ebeti ed afoni che sanno come svegliarmi conoscono la nicchia nel mio letto puzzano di sudore verniciato fresco e godono al mio urlo mostrando silenzio di falso rispetto.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo