Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

4.7.05

 
Torna a casa presto,
che fuori fa freddo.

Non mi viene da dire.
S'è inceppato il compimento del pensiero,
dentro oltrepelle c'è un omino che fugge
ripreso dal dietro
che alza la polvere
e scappa sgomento
con occhi asteroidi
troppo grandi per lui
pesano
di sconforto per passioni
appassite
e lo fanno ruzzolare
giù per la collina bianca.

Non mi viene da dire.
Hai da accendermi?
Così per incendiarmi
originale inizio per fumare
e lecco me stesso
come cane
dal cuore piccolo il doppio
ma riposto
nascosto
che non ricordo dove
che se lo cerco
vado altrove
raccolgo la mia testa patata
sbalzata giù
dal peso degli asteroidi
ricordi?

Ora la tengo
la testa
con una mano sinistra
troppo piccola
sopra il mento
ma non sono in bolla
ondeggio
e scuotendomi faccio terremoto
tanto che sento sotto i miei piedi
la Cina
la sento più vicina
allora allargo i polpastrelli
cerco le zampe delle galline
stringo forte le tempie
le stiro
e faccio l'uomo mandorla
candido
dal sapore di cioccolato.

Rutto me stesso
e mi sembro più bello.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo