Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

18.5.05

 
Sto fondendo muriatico d'acido.

Formicolio e dita con morbo.
Ogni centimetro epidermico è insito d'un male che mi si è diffuso dentro.
Teso, agitato, con la caffeina d'una adrenalina sufffomigio di un urlo bestemmiato che s'attarda allo sfogo.
Sarà per questo che mi sto maculando di lotte che non m'appartengono la pelle e sento uno sfinimento latente dentro.
Diresti, curiosandomi dentro, che sto morendo.
Ma d'una falce a doppia mandata, che ti lascia in vita come puttana ad ore.
Che ti costringe alla pala della fossa, al cucito del tuo cappio o se preferite alla pistola in abbinamento alla rivista patinata d'impegno nella quale sono inserto.
Sto fondendo muriatico d'acido, sento la mancanza partire dalle unghie e sciogliermi il cuore: ho già scordato gli specchi in casa e non ho più voglia d'averne ancora.
Il serbatoio è secco di passione, la mia lingua riposa morta dove non batte più nemmeno un dente e appassiscono i fiori sulla finestra sporca della mia cella.
Non è momento per essere me stesso.

Gl'aulici sapessi non han mai picchiato il culo per terra.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo