Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

31.5.05

 
Quel che faremo a Beseno.

Dispiegheremo la pazzia in maniero
poichè il castello sarà il luogo della memoria e dell'incerto
quel week end a Beseno.
Ecco cosa faremo.
Ci sarà festa, tutti i paesini lì attorno convoglieranno alla rocca
e qualcuno inaugurerà, qualcun altro metterà in mostra
altri proietteranno
tra musica, armature, natura.
Poi verranno anche da fuori, attratti dalla manifestazione,
che già lo fanno in tanti durante l'anno:
salgono ripidi attorno ai bastioni
e una volta dentro s'immaginano gran dame e signori.
Ma in quei due giorni
sarà splendore di corte
con menestrelli post moderni
e viandanti digitalizzati.
Noi?
Noi saremo per natura giullari.
Porteremo fra i sonagli dei nostri cappelli
l'arroganza sottile del risveglio dei sensi
poichè da sempre questo fa il buffone d'inchino:
osare la lingua salata di verità
là dove non osa la quotidianità;
coperti dal trucco dei pazziati
spargeremo la vita
quella che spesso l'esistenza depone lontano.
Risveglieremo formicolando,
ricordando a chi di voglie è stanco
che in fondo pare proprio
che la vita pare sia bella
e dimenticarla
è un oltraggio in contumacia.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo