Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

13.4.05

 
Andando a stadio.


Lo scarica cerino delle tribune politiche, del chi dovrebbe e del chi se ne fotte.
I fumogeni, la guerriglia, i bla bla bla.
La squalifica del campo, la pesante multa, il rosso nebbia.
Ottantamila persone e poche centinaia di teppisti.
L'impunità, la massa, la protezione del branco.
Basta.
I coglioni sono fuori e tutto attorno.
Io mi sento un po' coglione compresso perchè non faccio niente mentre i bambini fanno oh.
L'ignoranza è la base sopra la quale buttare il razzo e colpire il portiere.
La violenza non è dentro ai cancelli ma comincia ben fuori, lontano dai cori.
Ai politici va bene: le legislazioni cambiano, la patata passa e la violenza cresce.
Eh si ma in Inghilterra non ci sono barriere, non c'è violenza e tutti gli hooligans vanno in trasferta. All'estero.
La soluzione?
E' alzare il culo, girare le palle e come negli spot portasoldi: prevenire.
Non far passare per primi i fiancheggiatori attorno al santo stadio e poi convincersi che uno sport dal sapore di sport può esistere.
Le telecamere riprendono dopo e l'educazione è la fonte a cui nessuno vuole bere.
La feccia va allo stadio perchè impunita, si sfoga come una grossa cagata fumogena nel cesso della cloaca della massa in maniera soddisfacente perchè sicura che nessuno la disturba.
In curva volano bestemmie e voglia di far male, ottimo luogo per la libido umana e per cercare un'uscita dalla repressione di un sistema feriale.
Ma non può essere una giustificazione: le tavole rotonde non servono più e le spranghe chissa come mai continuano a passare i finti controlli.
Smettiamo l'italietta e passiamo a fare quello che semplicemente bisogna applicare.
Niente più si dovrebbe: quel che non funziona è quello che già esiste, solo non si applica.
Politicanti, dirigenti ed amministratori vari: finite il teatrino e rimboccatevi le mani; pulito il deretano con le monete degli introiti tornate alla ragione e provate a trasformare lo sport in vera passione.
Porterò mio figlio allo stadio, ve lo scrivo firmato sulle vostre poltroncine di tribuna in grassetto araldico.
La cultura sportiva.
Prima ancora il rispetto dell'avversario.
Il tifo per e non contro.
Servono buoni e pazienti insegnanti, mani grosse e una nuova generazione.
Ma sapessi poi che soddisfazione.


#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo