Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

28.10.04

 
Indice alla tempia.

Continua a sblaterarmi addosso.
Piantala, osti, che mi sporchi.
El ghe da, el continua, el rompe i bale. E che coioni.
Gli puzza il fiato, gli alitano i piedi e mi storce ovuli, ossa, ninfee, narici e bulbi quando mi sta sul collo, ad un centimetro dalla saliva.
E ultimamente lo fa spesso.
Oppresso, basta.
Basta ho detto. Togliti dal mio angolo, lasciami pisciare in giro dove mi piace: se c'ho voglia di rintonarmi in curve sghembe lasciami fare.
E no: lui mi deve guardare, mi deve consigliare, mi deve osservare e lo sento sogghignare.
Ma va a cagare.
E poi gli argomenti, le cadenze, lo scialacquio della sua turba!
Almeno sii interessante invece di obiettare e sempre bacchettare e stare e stare e stare.
E continua, un tono sotto al giro di ottava, impertinente e irriverente di metadone.
Coglione coglione coglione.
Mi giro e non scappa, scappo e mi insegue, mi siedo e mi toglie la sedia. Stardo.
Accendo lo schermo ed è li dentro, perso nel nulla ed eterno catodico.
Leggo e mi perdo dopo il terzo capoverso a causa del suo frastuono silente.
Che cazzo devo fare, ti devo sparare?
SBAM! Tanto la rosa di pallini non ti soddisferebbe, vorresti un fiore ancora più rosso.
Scordatelo che recido.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo