Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

21.7.04

 
Caro il mio Dorian.


Sfumi tu?
Stempio, a volte.
Come se perdessi l'attaccatura dei veri e dei falsi
e tutto fosse uno
e l' uno fosse il tutto
e la filosofia orientale mi facesse un baffo con il contropizzo.
Insomma mi piacerebbe evacuare, meglio: sublimare.
Cambiare stato scavalcandone un altro e passare da quel che sono a quel che appaio tralasciando il valgo.
Te, scusa, succede mai a te?
Come lo specchio e il passarci attraverso, cose così: solo che per introdurmi dovresti farlo di lato, cercare il bordo e chiedere scusa permesso passare lì in mezzo da una via nascosta sottile ed impervia.
Troppo facile sarebbe fare un salto in riflesso, caro il mio Dorian.
Qui ci vogliono il controscazzo, l'autodafè ed il revolver carico per una giostra a salve sotto il grande tendone di Mangiafuoco. Soppesarsi e dirsi: chi sono?
Cospargendomi di neuroni sono certo quello che vitreo in pupilla elabori capovolto: niente anima, tutto corpo.
Ma fossi tu il mio segmento di passato, diciamo un sugo d'annata fra il '76 e lo '04, uno spicchio, un aglio notturno, una limonata od una passeggiata di quel che ero, come mi illumineresti, diciamo il vero, adesso?
Diverso, di traverso, sbiesso?
Non sarei più sicuro solo quello di prima che ti passava agile fra il naso e la vita.
Conosceresti un mio vezzo, un cruccio, un neo di aneddoto che mi laccherebbe di un fondotinta in più strati, a seconda di quel che hai scavato e ancora di me scavi.
Attento, comunque: è un gioco fragile, fra il cartone e l'imballo segui sempre la freccia puntata verso l' alto.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo