Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

15.5.04

 
Pazzi non foste a viver come bruti.


Perchè siam tutti bimbi sperduti.E quel che è stato è: cappelli, quattro.
Foulard rossi, altrettanti.
Uomini: folli.
Disegni:strambi.
Donne: splendide.
Un manico di chitarra attaccato ad un manico di chitarrista.
La gente è nel locale. Anche fuori.
Il locale? Pieno.
Il Naviglio sta sempre lì, a un passo di tuffo.
La gente beve.
Sugli sgabelli, sui trespoli: svaccata fra patatine, rutti e fighetti.
E parla, osti se 'sta gente parla.
Poi il fungo dj smette il suo chill out avvolgente.
Silenzio.
Brusio.
Nelle vaschette cetrioli senza sugo come dialoghi da aperitivo.
Un po' di blues è quel che ci vorrebbe.
E un po' di blues si sente provenire da un angolo, controcorrente.
Un angolo stretto, fottutamente stretto.
Si alza il sipario.
E i quattro cappelli entrano.
E gli uomini sotto al Panama li seguono.
E i loro sogni anche.
Urlano.
Ridono.
Pungono.
La gente parlava, prima, ricordi?
Ora guarda.
Attonita, nel mentre sta.
Ma questi, questi... questi... pazzi:
chi cazzo li ha fatti entrare, questi?

Ne è stato fatto un video.
E tra poco ne verrà fatto un sito.
Dove poter ritrovare testi, audio e pazzi.
Noi si spera che ci verrete dietro a ruota, perchè lo sappiamo: siete bella gente.
Nel mentre la Pazziata si ripropone a breve.
Altro locale, altra tenzone.
In fondo si tratta solo di far ballar su strada il muscolo che qualsivoglia ha dentro, ognuno nel bel mezzo dei padiglioni in auricolo e retrostanti i bulbi catarifrangenti: le menti.
Sorprendere per provocare mentre non la si aspetta.
La pazziata è toccata e fugge in fretta.
Lesta sconquassa: scuote i passanti e quelli che nel mezzo si ritrovan ad esser involontari astanti.
Regola semplice: far accorgersi delle proprie esistenze.
Folli senza rete, siam stanchi di maglie sfibrate e virtuali.
C'è bisogno di sorrisi e come bimbi sperduti cerchiamo occhi sgranati e strette di mani.
Detto niente.
Ed è una sfida lanciata con l'asta ed aperta al miglior bloggherista: ovunque tu vada, ce l'hai il coraggio di portar con te, nel cuore o per strada, la Pazziata?

* Mike e Cinzia, Rillo e Fraps, Zu e Darko, Helghi e Sphera.
Regalaci un applauso, e buonasera.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo