Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

26.5.04

 
Ad accompagnare i Cerchi.

Fra l'indaco e il confine da andirivieni laggiù
c'è spazio tra mille granelli in andata da sottosuola,
ma non per me: imbrattato di fogli in soglia
sto bene qui, a tirar sassi nell' acqua
e ad accompagnare i Cerchi allagarsi di blu.

Tanto sbocceranno in solstizio lo stesso
i boccioli a cui non si è per nulla chiesto
che io sappia mai e poi mai il senso:
unico di ritorno resto sobrio su questa panchina
piuttosto che rimettermi ad inseguire la vita
ed andarmene ancora una volta oltre cortina.

Vai tu, dico davvero,
scavalca e urlami nascosto al di là del ferro
quel che c'è di così eccitante e diverso.
Vai e se vuoi torna a raccontarmi
quel che hai messo negli occhi
o quel che conosco e mi sarò perso.

Avanti.E senza spingere, che prima o poi ci si passa tutti.

Ci son già passato, ho un trascorso sghembo
ed una volta visto il tuo desiderio scommetto
per niente e per nessuna tu tornerai indietro.

Certo, mi hai conosciuto qui e seduto
dici lo ammetto è strano non son dispiaciuto
e l' amarezza che dovrei non mi brucia addosso
seppure sia l'unico tornato al di qua del fosso.
Ma c'è che ogni milione ne modellano uno strambo
dicono da lassù che sbagliano per diritto lo stampo
e ne viene un animale matto e di esserlo mai stanco.

Così mentre tutti prima dell'unico verso in salto
vi sedete qui accanto e mi chiedete nel prender fiato
se meno di uno è vero ha fatto la strada al contrario
quello è qui, che vi misura le parole accanto.
Strano, visto lo splendido che vi attende laggiù
ma io no grazie preferisco scrivere di restarmene:
sto bene qui, a tirar sassi nell' acqua
e ad accompagnare i Cerchi allagarsi di blu.


#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo