Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

26.6.03

 
Come un angelo senza ali.

Dalla parte opposta alla fine della strada
ti osservo raccoglier pezzi di una vita passata
e me ne sto come sempre distratto in silenzio,
mentre ti ho difronte insicuro penso
che agli occhi di un cieco seppure per sbaglio
donata la vista non si resiste all'abbaglio.

...i miei passi coi tuoi passi
abbracciati in un istante
ma subito scomparsi...


Accade svoltato l'angolo
di non averti più nei sensi
all'improvviso sentirti senza averti
di corsa tornare indietro
urlando che ti amo
ma tu già non ci sei
e io sto gridando invano.

Sto ancora dall'altra parte della strada
ma non è come prima tornare a casa:
andare avanti senza fari
come un angelo senza ali.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo