Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

14.4.03

 
Con negli occhi pietre e sale.

Santiago de Compostela.
Una parola, inchiostro su pixel che scivola via al prossimo post.
Una città, una cattedrale che da sempre se ne sta immobile fra il grigio fuliggine della facciata e quello uggioso del cielo che la avvolge.
Un viaggio, duro come i muscoli delle mie gambe.
Trecentotrentachilometri posso scriverli per lungo ma non te li posso far capire.
Nessun superuomo, solo far i conti con te stesso usando il passo come metro, Nino docet.
E punteruoli pianure, brughiere, colline, vento, montagne, colline vento, pianure, paesini e città, sogni e miraggi.
Ma ci sono arrivato, sfinito e sfiancato.
E son crollato su quel piazzale con negli occhi quello Xacobeo di pietra granitico che quasi ti piglia per lu culo tanto ti sfotte dall'alto col suo bastone e la sua conchiglia immobili.
Ma ci sono arrivato, sacco a pelo e barba.
Entro, in questa cattedrale, silente e furtivo la osservo in penombra quasi da estraneo.
Eppur mi porto una credenziale con timbri che riflettono ostelli, rifugi e fatica.
Ma me ne sto in soggezione cullato dall'oppio dei popoli mi distendo su una panca sacra.
A mezzogiorno sto avvolto in questo fumo insensato e incensato che il botafomeiro vorticoso e oscillante mi regala come allucinogeno spettacolo.
Ora che la prima notte nel mio letto è passata con in grembo la Compostela, ora che il profumo delle mie lenzuola ha coperto di ritorno il mio stanco sonno, ora sorrido di un viaggio ultimato e penso a quale strada prender domani.


*Per chi volesse avere informazioni più dettagliate sul Cammino di Santiago, in cosa consiste e come organizzarlo sono ovviamente disponibile a fornire qualche piccolo consiglio, basta scrivermi.

Grazie a tutte le persone che mi hanno aiutato a buttar cemento e calce per costruir questo viaggio.
Grazie a chi mi ha dato informazioni per poter arrivare a Santiago e a chi mi ha logisticamente seguito e incitato via mail e sul Pallone.
Grazie a tutte le mani strette e a tutti gli incitamenti di 'Buon Camino' raccolti come fiori lungo l'asfalto.
Grazie a Gianni.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo