Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

30.3.03

 
L'arrivo.

Esco a fare quattro passi...


Well, ci siamo.
Scusate se in questi giorni la scrittura sara' veloce, i pensieri sparsi e la testa altrove.
Ma succede, in cammino.
Oggi: Barcellona.
Tappa di transito, solo giusto il tempo di lasciare quattro orme sulla rambla, assaporare gli occhi degli spagnoli per un aperitivo d'incontro e osservare le bandiere della pace appese ai balconi spagnoli.
Qui va di gran moda anche appendere un drappo bianco, magari candido, con qualche minuscola scritta che faccia arrivare il messaggio al destinatario.
Ve lo dico, magari hola hola vogliate mettervi a spagnoleggiare a Buccinasco o a Cava dei tirreni. Ole!
Stasera si piglia un treno, destinazione Leon.
E domani mattina alle quattro e trenta comincia il vero cammino, anche se le persone che mi hanno indirizzato a questa scelta mi hanno ovviamente catechizzato con parole Galatina al cioccolato del tipo " in fondo, il cammino comincia dal primo desiderio di compierlo".
Spero di tenervi aggiornati.
Intanto, rotolate.
Qui, sotto un cielo grigio cenere catalano, si comincia a contar passi.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo