Sali a Baita   Do Re Mi
Fa
Sol
 


Di quel
che passa
si scrive,
si canta,
si balla.

Di quel
che resta
ci bastan
gli occhi.

 

27.3.03

 
Ad ovest di Paperino.

Tre mesi di allenamento.
Cinque chili persi.
Zero capelli in testa.
Uno zaino, una schiuma da barba mignon, due spille da balia.
Centinaia di muscoli facciali pronti al sorriso, cinque magliette, una moleskine.
Due biglietti aerei, pochi soldi, molti dubbi.
Una cartina, una guerra preventivata, un sacco a pelo.

Come al solito mi allontano e cerco.
Scontato che non riuscirò a trovarmi.


Un mare da dimenticare.
Un cuore da ricucire.
Una lacrima da trattenere.
Miliardi di passi da riscaldare.
Una bandiera multicolore,
un segno di pace da trasportare.
Borraccia per assaporare,
candela per riscaldare,
parole da scordare.
Un amico da ringraziare
una vita che non so spiegare
un altro viaggio che va a cominciare.

Una credencial.


- 3.

#


Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

 

 

 
   


Pixel stretti:


   


Questo è
l'ultimo
inchiostro
mercantile
fresco di
sale e rime.


Qui ultimamente
sto in compagnia
di bella gente.

 

carta

Quest'altro
invece
è a spasso
per Santiago
con le prime
piume.



Il Pallone,
se sei così vecchio,
ora l'avresti perso.

Fortuna che,
come niente,
ora è tornato
tranquillo come sempre.

Se spulci
attento
già c'è l'eco
archiviato
di quel che ero.

Comunque
di certo
rimane solo
lo Sghembo,
ed è questo:

Home.

     
    Cerca che ti passa  
   
Vi lascio la punteggiatura, ma non nel mezzo: quello e' tutto fra la mia testa ed il blu.
Percio', nel caso vi piaccia per gloria o pecunia, almeno un grazie o una mancia rauca.
 
   
creativo